La sega circolare si deve usare con cautela

Utensile per legno potente e maneggevole

sega circolare fai da teSega circolare: deriva il suo nome dal  disco dentato che ne determina la forma.

Ne esistono versioni differenti: a mano e da banco.

In questo articolo faremo riferimento alla sega circolare portatile, quella a mano, adatta anche al fai da te, perché è questa che insegnamo ad utilizzare nell’ambito dei nostri corsi di falegnameria presso Bioforme.

Più specificatamente presso Bioforme utilizziamo la sega circolare ad affondamento perché da maggiore libertà di manovra e che descriveremo nel dettaglio più avanti.

La sega circolare è particolarmente utile e efficiente per eseguire con precisione tagli lunghi sia dritti che obliqui. Per questo motivo molti di questi elettro utensili sono dotati di apposita guida per sega circolare che ne rendono estremamente più semplice e preciso l’utilizzo. In questo caso si parla anche di sega circolare con binario, perché con la guida, la sega non può che seguire la direzione indicata dal binario stesso su cui è ancorata. 

Durante i corsi, la sega circolare viene usata nella fase iniziale quando è necessario tagliare i pezzi che verranno poi assemblati per costruire la struttura di partenza.

La dentatura del disco sega varia a seconda  del tipo di taglio da effettuare e del tipo di legno.

La sega circolare nella sua versione portatile è un attrezzo molto compatto e maneggevole, la cui lama fa pressoché corpo unico con l’albero motore ed è sempre almeno parzialmente coperta da un carter di protezione. I modelli di fascia più alta  prevedono anche un  bocchettone per laspirazione della segatura, molto utile per raccogliere gli scarti di lavorazione.

L’acquisto di una sega circolare non rientra tra gli utensili per legno indispensabili per coloro che vogliono affrontare la lavorazione del legno come puro hobby fai da te.

Per ottenere le tavole di cui si ha bisogno, infatti, è sempre possibile andare da un comune brico e chiedere i pezzi già tagliati secondo le proprie esigenze.

Se, al contrario, si intende godere di maggiore libertà nella creazione dei propri arredi è meglio acquistare questo attrezzo in modo da poter apportare modifiche al proprio progetto in qualsiasi momento e con grande rapidità e precisione.

Occorre precisare, inoltre, che all’interno della famiglia delle seghe circolari si distinguono quelle cosiddette ad affondamento. Queste ultime nascono specificatamente per scorrere su un binario, hanno dunque  un taglio molto preciso, ed hanno l’innegabile vantaggio rispetto a quelle tradizionali, di poter cominciare il taglio anche dall’interno di un pannello.

N.B. Diversamente da altri elettro utensili più semplici come il seghetto alternativo ad esempio, data la potenza e la relativa complessità di questa macchina, sconsigliamo a tutti di adoperarla senza aver prima imparato a conoscerla con l’aiuto di un hobbista o un falegname più esperto.

Esempio modello professionale di sega circolare a mano con guida

sega circolare festool e accessoriFestool TS 55 EBQ Plus FS – Sega da affondamento + lama gratis

Tra le seghe circolari professionali ad affondamento, la Festool è senz’altro una delle migliori.

La caratteristica eccezionale di questa sega circolare è rappresentata dal corpo ultrapiatto e completamente piano grazie alla presa di aspirazione rivolta verso l’interno. L’assenza di bombature permette una lavorazione anche vicino ai bordi fino a una distanza minima di 12 mm dalla parete. La TS 55  garantisce un controllo e risultati perfetti, offrendo  la massima sicurezza di lavoro. Si aggiunga anche la regolazione angolare  e la millimetrica indicazione della profondità di taglio e si otterrà una precisione di lavoro assoluta, unita a un uso estremamente semplice.

Scopri la sega circolare Festool

 

Come usare la sega circolare portatile: 8 consigli per lavorare in piena sicurezza

  1. sega circolare fai da te1)Prima di iniziare fissa bene  la tavola  di legno che desideri tagliare a un banco di lavoro o a  una superficie  perfettamente stabile che non si muova, fissandola ad esempio con dei semplici  morsetti. In alternativa, prima di tagliare il legno, quando lo sistemi, verifica che sia comunque in equilibrio e che quello in eccesso sia libero di cadere una volta tagliato. Prevedi dunque  in anticipo il punto in cui cadranno i pezzi di legno tagliati e assicurati, quindi, che la caduta non provochi alcun danno o infortunio. 

2)Poi regola la profondità del taglio facendo in modo che la lama superi lo spessore della tavola da tagliare di qualche millimetro. Per evidenti motivi di sicurezza è molto importante che la sega sporga al di sotto dell’asse di legno solo del minimo indispensabile a completare il taglio.

3)Una volta compiute tutte le regolazioni del caso ( profondità del taglio, angolazione della lama, velocità di rotazione della sega, collegamento dell’aspiratore se disponibile) rigorosamente con la spina staccata impugna la sega circolare con due mani e accendila senza far entrare in contatto la lama con il materiale aspettando che il motori giri a piena velocità. Ricorda che quasi tutte le seghe circolari sono progettate per i destrimani. Questo significa che, nella posizione “normale”, la protezione della lama sarà tra il tuo viso e la lama stessa dell’utensile.

4)Successivamente puoi iniziare il taglio,  la lama entrerà a contatto con il legno da segare e si dovrà procedere  imprimendo una spinta uniforme e non eccessiva,  facendo in modo che la base dell’attrezzo sia sempre in contatto con la guida su cui scorre.

5)Presta attenzione al rumore del motore, se diventa troppo forte vuol dire che il motore sta sforzando e di conseguenza occorre rallentare e se il rumore non si normalizza meglio fermarsi, controllare le impostazioni della sega e chiedersi se la lama utilizzata sia in buono stato e/o adatta al materiale da tagliare.

6)Fai attenzione anche all’odore. Se  senti  puzza di bruciato durante la spinta, è possibile che tu stia procedendo troppo lentamente e che il legno stia cominciando a bruciare a causa dell’eccessivo e prolungato attrito della tavola con la lama della sega circolare.

7) Infine quando lavori, controlla che lungo il percorso della lama non ci sia mai nessun cavo elettrico e soprattutto che il cavo stesso della sega circolare non ti sia di ostacolo (perché troppo corto) o di inciampo durante la fase di taglio.

8) Usa sempre degli occhiali o maschere di protezione.

 

Esempi di modelli hobby o semi professionali di sega circolare per legno

Bosch PKS 66 AF

sega circolareLa sega circolare PKS 66 AF, grazie alla struttura ergonomica ed alla comoda impugnatura con rivestimento Softgrip, è particolarmente leggera, compatta e maneggevole. Ha una potenza di 1600 Watt e monta una lama con Diametro 190 mm e Diametro foro di 30 mm. Profondità di taglio 66 mm (48 mm/45°) nel legno, 10 mm nell’alluminio, 3 mm nell’acciaio. E’ dotata di CutControl estraibile, valido aiuto per seguire la linea di taglio eventualmente segnata sul materiale da tagliare, del sistema GuideRail, un binario di guida che permette di eseguire con precisione tagli longitudinali o smussati anche lunghi, e del contenitore CleanSystem Box, che raccoglie oltre l’80% dei trucioli e polvere prodotti durante il taglio.

Scopri la sega circolare Bosch

La sega circolsega circolare portatileare più venduta su Amazon.it 

Bosch 601623000 – semiprofessionale

  • Potente motore da 1400 W con 5500 giri/min
  • Ø foro lama: 30,0 mm
  • Ø lama: 190 mm
  • Profondità di taglio (90°): 70 mm
  • Profondità di taglio (45°): 50 mm

Altri trucchi per usare meglio la sega circolare

Vediamo adesso qualche trucco per sfruttare al meglio la sega circolare.

come usare la sega circolareUn buon utensile è senz’altro una buona partenza per eseguire un taglio preciso, ma non è sufficiente. Occorre segnare con attenzione la linea di taglio.

Per questo ti suggeriamo di prendere correttamente la misura e farla coincidere con il cuneo di una linea a V. Quando devi  tracciare la linea, utilizza una squadra  e falla passare esattamente per l’estremità della V. In questo modo ti sarà più facile essere preciso. Inoltre non dimenticare di indicare chiaramente quale sia il lato della tavola da scartare con una semplice X.

Questo ti ricorderà da che parte della linea tracciata posizionare la lama che, a causa del suo spessore, può far cambiare la misura che desideravi fino a 3 o 4 millimetri!!!

Lama per sega circolare: come scegliere!

lame per seghe circolariUn buon criterio per scegliere la lama della propria sega circolare è quella di partire dal numero dei suoi denti. Questo, infatti, influenza il modo decisivo la qualità del  taglio eseguito dalla tua sega circolare.

In linea generale maggiore è il numero dei denti (a parità di diametro) più preciso/netto è il taglio.

Quindi le lame con meno denti sono adatte ai tagli più grossolani quando si segue il verso delle venature.
Per i lavori di rifinitura e i tagli che intersecano le venature del legno, è meglio una lama con un maggiore numero di denti, così come per i tagli di materiali più duri, in particolare i metalli e i materiali edili.
Qui sotto segue un’indicazione molto, molto approssimativa su quali materiali si possano tagliare a seconda del numero di denti:

  • Fino a 25 denti: taglio sgrossato del legno lungo le venature
  • Da 28 a 40 denti: taglio trasversale del legno
  • Da 40 a 80 denti: taglio di legno, plastica, alluminio e laminato

Considera che oltre al tipo di materiale devi considerare anche lo spessore. Nel caso del legno un’indicazione di massima potrebbe essere quella di usare una lama 24 denti per per grandi spessori (50/75 mm), una 40/60 denti, per spessori minori. 

Nella foto qui accanto puoi vedere un esempio della varietà di lame per seghe circolari presenti in commercio. 

Come avrai capito ormai, è sempre  possibile, anzi talvolta opportuno se non indispensabile, cambiare la lama fornita in dotazione alla tua sega circolare:  in commercio si trovano lame di tutti i diametri e adattabili a tutte le seghe. Al momento dell’acquisto pensa sempre all’utilizzo che farai della tua sega circolare e in base a quello valuta se la lama in dotazione sia adatta o meno.