Piccoli segreti per una stuccatura perfetta

Qui a Bioforme lo stucco da legno non lo compriamo MAI, o quasi 😉

Preferiamo usare un vecchio trucco da falegnami.

Prendi un po’ di segatura proveniente dallo stesso legno che devi stuccare e la mischi con una noce di colla vinilica. Con l’impasto così ottenuto, puoi stuccare facilmente e a costo quasi nullo piccoli difetti o imperfezioni della tavola su cui stai lavorando.

Più che la segatura, in realtà, dovresti usare la polvere di legno per ottenere un risultato più omogeneo e meno grossolano. Con l’aiuto di una raspa a grana fine, ottenere un po’ di polvere adatta allo scopo sarà semplicissimo.

Fai attenzione al filo della spatola

Non usare mai una spatola nuova per stuccare, perché ha il filo troppo vivo. Prendi allora una carta a grana medio grossa tipo 150 e passala sopra la spatola come se dovessi stuccare. In questo modo  arrotondi sia il filo che gli angoli. In realtà le spatole migliori per questa operazione sono quelle in plastica o in acciaio, così non rischi nemmeno che la parte stuccata cambi colori a causa dell’ossidazione provocata dal contatto tra l’acqua della colla e il ferro della spatola.

Fai attenzione alla temperatura

Stucca nelle ore meno calde della giornata, perché il caldo asciuga l’acqua contenuta nella colla e rende il tuo stucco meno plastico. Aderirà meno bene e corri il rischio che si stacchi quando lo vai a levigare.

Fai attenzione ai tempi di asciugatura

Fai asciugare per massimo quattro ore e poi procedi a carteggiare le parti in eccesso, ma non aspettare troppo tempo perché poi lo stucco indurisce troppo e farai più fatica a toglierlo rischiando ulteriori errori.

Se vuoi accorciare i tempi di asciugatura basta aggiungere nell’impasto un po’ di gesso scagliola e dopo soli 20 minuti potrai carteggiare.

Fai attenzione a come stendi lo stucco

A Bioforme insegnamo a premere lo stucco nella fessura con la spatola ben inclinata e in tensione e poi a rasare subito senza premere troppo e tenendo la spatola sempre inclinata a 45 gradi circa. Meglio eccedere un pochino con la quantità perché lo stucco con l’essiccazione tende a ritirarsi un pochino.

Fai attenzione a delimitare la zona da stuccare

Se non sei del mestiere e vuoi limitare i danni di eventuali errori, delimita la zona da stuccare con del nastro gommato, in questo modo non rischierai di sporcare o rovinare altre zone della tavola.

Fai attenzione al colore dello stucco

Mentre si impasta puoi aggiungere mordente – pigmento – colore acrilico, quello che hai per arrivare alla tonalità desiderata che  deve essere quella della finitura finale. La colla vinilica infatti essendo acrilica rende poi lo stucco ottenuto impermeabile a impregnanti e mordenti. Quindi il colore va creato al momento dell’impasto. In alternativa, una volta levigato lo stucco, può stendere un velo di gesso e poi colorare.

Conclusioni

Il metodo di amalgamare colla e segatura per ottenere dello stucco da legno, è senz’altro un ottimo metodo per rimediare a piccoli difetti o scalfitture in modo rapido ed economico. Ricordati però che i dettagli che hai appena letto qui sopra sono importanti per un risultato soddisfacente. Questo tipo di stucco non si conserva, ma è talmente veloce da preparare che ti consigli di farlo solo quando occorre.

Se l’articolo ti è piaciuto e ti è stato utile lascia pure qui sotto il tuo commento con le tue osservazioni ed eventuali suggerimenti.

Grazie